SSC Tuatara è l’auto di serie più veloce al mondo: 455 km/h

In una prova su pista al Kennedy Space Center, la SSC Tuatara ha battuto ogni record di velocità raggiungendo i 455,3 chilometri orari: è l’auto di serie più veloce al mondo.

 

Un nuovo record di velocità si aggiunge al Guinness dei primati. In una prova sulla pista del Kennedy Space Center in Florida, la SSC Tuatara ha raggiunto la velocità record di 455,3 km/h. Si tratta della velocità più alta mai registrata dal tachimetro di una vettura di serie. Anche se molto “esclusiva” (ne sono stati prodotti appena 100 esemplari) la SSC Tuatara non è un prototipo o una vettura modificata per battere record di velocità. E’ una hypercar prodotta dalla società statunitense SSC North America a partire dal 2020. Da listino, la vettura è dotata di un motore V8 capace di erogare 1750 cavalli di potenza. Il coefficiente di resistenza aerodinamico è pari a 0,279: uno dei più bassi al mondo. La vettura, sia nella carrozzeria che nel telaio, è realizzata totalmente in fibra di carbonio. Alcune parti particolarmente soggette ad usura – come il supporto per le sospensioni e il motore – sono rinforzati con inserti di alluminio. Grazie a questi materiali, il peso a secco della vettura è estremamente basso e attestandosi intorno ai 1247 kg.

Leggi anche –> TOP 10 Auto “avveniristiche” fatte da aziende non costruttrici di auto

SSC Tuatara: l’auto di serie più veloce al mondo

Per diventare l’auto di serie più veloce al mondo, la SSC Tuatara ha dovuto battere il record appartenente alla Koenigsegg Agera RS. Nel 2017, la vettura tedesca aveva raggiunto la velocità media di 447,2 km/h. Da allora, gli ingegneri e i piloti della SSC North America hanno lavorato duramente per “battere” i colleghi della Koenigsegg. Dopo una serie di tentativi andati a vuoto o contestati, ad inizio 2020 la SSC Tuatara è finalmente riuscita a infrangere il muro dei 450 chilometri orari: è stata la prima vettura di serie a raggiungere questa velocità da Guinnnes dei Primati. Un record ancora più impressionante se si considera che al volante dell’hypercar da record non c’era un pilota professionista ma il suo proprietario!

Potrebbe interessarti anche —> Ingegneria da record: le montagne russe più alte, lunghe e veloci al mondo

Exit mobile version