Microsoft Mesh: lo smartworking del futuro è in “Realtà Mista”

Il colosso Microsoft ha presentato Mesh, una piattaforma in “realtà mista” che permetterà di partecipare ad eventi e riunioni a distanza con interazioni fisiche e avatar in Realtà Virtuale

Esiste la Realtà Virtuale, esiste la Realtà Aumentata e – tra non molto tempo – esisterà anche la Realtà Mista. Possiamo starne certi perché ci sta lavorando un vero e proprio colosso dell’high-tech: Microsoft. L’azienda fondata da Bill Gates ha infatti annunciato di essere al lavoro ad una piattaforma che permetterà agli utenti di interagire e partecipare ad eventi a distanza attraverso avatar che avranno interazioni fisiche con altre persone o oggetti virtuali. Il progetto si chiama Mesh ed è attualmente disponibile in una versione di anteprima per Hololens 2 – i visori per la VR di Microsoft. Alex Kipman, inventore di Kinect e HoloLens, ha descritto Mesh in termini a dir poco entusiastici. “Questo è stato il sogno della realtà mista, l’idea che ne avevamo fin dall’inizio. Puoi davvero sentirti come se fossi nello stesso posto con qualcuno che condivide contenuti o puoi teletrasportarti tra diversi dispositivi di realtà mista ed essere presente con le persone anche quando non sei fisicamente insieme a loro”.

Potrebbe interessarti anche -> Facebook Avatar: nuove funzioni grazie alla Realtà Aumentata

La “Realtà Mista” e il futuro dello smartworking

Microsoft Mesh è progettata principalmente per lo smartworking. La piattaforma permetterà infatti di svolgere riunioni, presentare progetti e lavorare a distanza con modelli tridimensionali. Queste funzionalità saranno particolarmente utili per sviluppatori, architetti, ingegneri, designer e tutti quei professionisti che spesso hanno bisogno di visualizzare i loro progetti in 3D. L’obiettivo di Microsoft è integrare Mesh con Teams (il programma per le videocall di Bill Gates) e Dynamics 365 per rivoluzionare il settore dello smartworking. Ma non solo. Come ha anticipato il CEO Satya Nadella, le possibili applicazioni di Mesh sono praticamente infinite. “Pensa a cosa ha fatto Xbox Live per i giochi: siamo passati dal single player al multiplayer, creando comunità che aiutassero le persone a connettersi e raggiungere risultati insieme. Ora immaginate se la stessa cosa accadesse con la realtà mista: questo è l’obiettivo di Microsoft Mesh”.

Leggi anche -> Realtà Aumentata: Facebook testa un nuovo sistema di connessione neurale

Exit mobile version